12 commenti su “Il sistema in 7 punti

  1. ciao giancarlo,una domanda: per la scelta del profilo dela camera………se si tratta di paesaggi o panoramiche,quale la sua calibrazione?…….

    • Ciao Lino, visto che si scatta in raw (nel mio caso NEF) il profilo della fotocamera non influisce sull’immagine finale. Il profilo settato in camera influisce solo se scatti in JPG.
      Utilizzando Ligthroom per processare le nostre immagini ti consiglio di scattare sempre in raw per avere un controllo maggiore. Ciao.

  2. di nuovo a disturbarti gianca,volevo una delucidazione in merito alla doppia esposizione………..gli scatti devono essere effettuati in modalita spot?

  3. Ciao lino, puoi traquillamente esporre con la modatità multizona, nel caso di un paesaggio devi fare uno scatto con l’esposizione corretta per il cielo che rimane luminoso ed uno per la zona più buia del terreno. Per fare una lettura più precisa puoi zummare sulla zona del cielo ed esporre, imposti la reflex in modalità di Aperture, esponi e ti appunti il tempo di scatto, ora procedi come prima, ripeti l’esposizione anche per la zona sotto l’orizzonte, stesso diaframma ma avrai un tempo più lento. Fatto questo posiziona la macchina sul cavalletto componi l’immagine ed esegui i due scatti in manuale con lo stesso diaframma ma con i due tempi segnati. Avrai le due immagini da assemblare una esposta correttamente per il cielo ed una esposta correttamente per il terreno. Questo è quanto a grosse linee, c’è un piccolo tutorial per assemblare le immagini che forse avrai gia letto a questo link: http://www.giancafoto.it/tutorial/exp/index.html
    a tua disposizione per altri chiarimenti.

    • Ciao Giancarlo, mi chiamo Rino e sono un semplice appassionato di fotografia.
      In riferimento al tuo tutorial che chiami “della doppia esposizione”, mi premeva farti rilevare -ciò è stato motivo di varie discussioni sul forum NikonClub.it- che quella che tu citi, appunto, come doppia esposizione sarebbe in realtà un caso particolare di quella che si chiama “esposizione multipla” effettuabile componendo da due a dieci esposizioni in una sola foto (pag. 184 del manuale della mia D300s).
      Dunque nulla a che vedere con quella che tu definisci, appunto, doppia esposizione. Cioè, di fatto, due immagini con diversa esposizione che vanno a comporre l’immagine finale al fine di avere una gamma molto più estesa che dia la possibilità di avere più dettaglio in tutta la foto.
      Ti trovi con ciò che ti sto dicendo?
      A chiusura, oltre che salutarti, ne approfitto per farti gli auguri di buone feste.
      Rino.

      • Ciao Rino, è corretto quello che tu dici. La doppia esposizione fin dai tempi della pellicola era la tecnica che si utilizzava per scattare sullo stesso fotogramma due immagini. Si scattava una prima immagine poi si ricaricava l’otturatore tenendo ferma la pellicola e facendo slittare la frizione di caricamento. Oggi con le moderne reflex questo è molto più semplice, molte hanno una funzione apposita programmata.
        La doppia esposizione del mio articolo o forse più correttamente esposizione a sandwich o che dir si voglia esposizione multipla non e altro che una tecnica per esporre correttamente un’immagine con una forte escursione dinamica fra luci ed ombre come ho descritto nel tutorial dedicato. In pratica non è una doppia esposizione in camera, ma è una doppia esposizione in post produzione.
        Un caro saluto e buone feste anche a te, Giancarlo.

  4. gentilissimo gianca ti sei guadagnato una buona pizza napoletana se passi da queste parti……….un ultimo consiglio: la doppia esposizione conviene quando?……….

    • La doppia esposizione solitamente si utilizza come ho scritto precedentemente quando ad esempio fotografi un tramonto e vuoi esporre bene sia il cielo con la luce del sole sia il terreno poco luminoso.
      In queste condizioni la differenza fra la zona superiore dell’immagine e quella inferiore è di alcuni stop.
      Altra ottima soluzione pratica come alternativa alla doppia esposizione è l’utilizzo di un buon filtro digradante grigio.
      Ancora un’altra eventuale alternativa, se non hai uno scatto doppio e se utilizzi il formato raw è quella di fare una doppia post produzione di uno stesso scatto, in fase di sviluppo realizzi due immagini che poi unirai, una processara correttamente per il cielo ed un’altra per la zona scura del terreno.

  5. ciao giancarlo,scusa per il ritardo i ringraziamenti dovuti,sei gentilissimo,a breve pratichero le tecniche da te descritte per poi aver un giudizio da te……un abbraccio

  6. ciao giancarlo come stai? volevo una delucidazione in merito al tutorial del contrasta migliore………e in specifico sul fatto che tu dici mettere a fuoco ad un terzo della inquadratura per una maggior profondita di campo…………bloccare l’autofocus e ricomporre l’immagine…………..la domanda e’:……ma nelle foto paesaggistiche la messa a fuoco va messa in manuale o automatica?

    • Ciao Lino grazie della visita direi che è tutto ok, ma veniamo alla tua domanda. Non esiste una tipologia specifica di messa a fuoco per il paesaggio. Se non hai problemi di profondità di campo come ad esempio fare del reportage turistico e riprendere semplicemente un paesaggio in lontananza, puoi utilizzare tranquillamente l’autofocus.

      Nel caso invece tu volessi includere fra la macchina fotografica e lo sfondo oggetti/soggetti a diverse distanze, faccio un sempio, un albero a 5 metri dalla fotocamera e le montagne sullo sfondo, ecco in questo situazione ti consiglio una messa a fuoco manuale ad 1/3, ma naturalmente oltre a questa un diaframma chiuso che ti permetta una notevole profondita di campo.

      Non so se hai letto il mio tutorial dedicato all’iperfocale, forse li trovi spiagato meglio ed in dettaglio questa tecnica, un caro saluto Gianca.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...