6 commenti su “Monti Sibillini

  1. ciao Giancarlo ….sempre molto interessanti i tuoi blog ! ho notato che fine marzo farai un salto a castelluccio, e’ uno dei posti che ho sempre nella mente,spero di liberararmi per i primi di aprile per fare una piccola escursione al sibillini…. se tutto va bene partecipero’ al workshop singolo con Luca Giustozzi ! forse se il caso vuole forse ci incontreremo,sempre se ti fa’ piacere…..a proposito conosci qualche posto per pernottare ? con ammirazione ,leonardo !!!!ciao

    • Ciao Leo sempre gentilissimo, probabilmente io vado il fine settimana 25-26-27 marzo, certo che mi piacerebbe incontrarti ma non credo che corrisponde al periodo da te programmato.
      Per i pernottamento ho qualche indirizzo che mi hanno consigliato, molti di questi sono ancora chiusi perchè aprono il 1° aprile, comunque ti mando i link dei siti.
      Fammi sapere per il tuo workshop con Giustozzi sono molto molto curioso, un caro saluto.

  2. ciao Giancarlo…… se avro ‘ la possibilta’,stanne certo che sarai la prima persona cheraccontero’ la mia esperienza con Luca…… appena puoi potresti darmi qualche delucidazione su come usare l’iperfocale, se e’ importante e come bisognerebbe usarla perche’ non ci ho capito niente sull’iperfocale,ciaoooo

  3. L’iperfocale è molto importante nella fotografia paesaggistica, utilizzando questa regola avrai la possibilità di sfruttare la nitidezza costante (massima profondità di campo a fuoco) su tutta la scena, sia per i particolari in primo piano (a 1/2 mt) che per quelli molto lontani (infinito). La regola in definitiva non è complessa, si utilizza la caratteristica dei diaframmi chiusi abbinati solitamente a grandangoli per avere una profondità di campo estesa. L’iperfocale è il punto o piano focale dove tu metti a fuoco (solitamente a 1/3 di tutta la scena ripresa) per avere tutto perfettamente nitido ed a fuoco.
    I vecchi obbiettivi fissi avevano sulla chiera riportati i diaframmi per il calcolo della zona iperfocale. Esistono programmini per il cellulare dove tu imposti la focale utilizzata il diaframma e questo ti calcola il piano di massima estensione di messa a fuoco (iperfocale).

    Detto così sembrerebbe complesso, leggiti questo articolo che non mi sembra male: http://www.photorevolt.com/articoli_id_35.html
    Tabella iperfocali in pdf:http://www.fotoup.net/Foto_Tecnica/IPF.pdf
    Pdcalc programmino java per cellulari per il calcolo iperfocale: http://cdr89.interfree.it/PDCalc.htm
    Calcolatore iperfocale online: http://www.dofmaster.com/dofjs.html

  4. ciao Giancarlo…… grazie per i tuoi preziosi consigli, ho letto l’articolo pero’ quello che non ho capito una volta impostati i valori ad esempio http://www.dofmaster.com/dofjs.html ,ti faccio un esempio come dovrei comportarmi se ho capito… una volta sul campo ….inserisco il diaframma scelto, poi la lunghezza focale ….. e la reflex usata….e messa a fuoc in manuale,poi resto come dovrei comportarmi….ad esempio oggetto distanza presumo che voglia indicare il soggetto tipo una barca in mezzo al mare…… poi resto quelli indicati sulla destra del calcolatore sono poco chiari di come dovrei usarli sul campo…… !! se t ti sto disurbando….ti chiedo scusa,ciaooo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...